PERCHE’ FAR ENTRARE LA MEDITAZIONE NELLA TUA VITA

MEDITATE GENTE MEDITATE!!!!  

Diceva così uno spot pubblicitario di qualche anno fa.

Al di là dello spot, 😊

mi sento veramente di suggerire la meditazione come una pratica per riprendere il centro, per riposizionare il timone sulla rotta della consapevolezza e del proprio benessere personale.

Meditare implica trovare uno spazio e un tempo per sé, molto piccolo per iniziare, poi ognuno decide per sé il tempo migliore. È il permesso che ci diamo in autonomia, di fermarci, di sospendere.

Non si tratta solo di sospendere il fare, il dire o il pensare qualcosa, ma significa anche sospendere il giudizio, le emozioni come la rabbia, la paura.

In qualche modo si riporta attenzione all’ascolto di sé, del proprio respiro. È uno sguardo vigile e attento che rivolgiamo all’interno, ci porta a sentire il battito del nostro cuore, l’energia che vibra nel nostro corpo, il respiro che esce ed entra in un ciclo vitale continuo.

Quando meditiamo, risvegliamo e sviluppiamo la nostra presenza mentale (vai all’articolo) che ci porta ad avere una maggiore lucidità e quiete nella nostra mente.

Gli eventi della vita continuano ad accadere così come accadono, non cambia il mondo fuori, ma cambia il nostro mondo dentro di noi. Sarà il ns. modo di affrontare gli eventi che cambierà, e saremo più centrati, in equilibrio, capaci di vivere le emozioni senza farci travolgere, ma assaporandole con presenza e spirito mansueto.

Un mio caro maestro, mi ha insegnato anni or sono che: “meditation is the only way”.

Probabilmente non è l’unica via, ma per me è la più importante e significativa, per iniziare o portare avanti un cammino di crescita interiore.

Ti avvia, ti sostiene, ti accompagna e può diventare il momento più prezioso di ogni tua giornata.

Meditare è difficile? È solo per pochi?

Niente di più inesatto, la meditazione è alla portata di tutti. È facile da praticare, richiede solo la voglia di provarci e riprovarci, senza aspettarsi niente di trascendentale. Si può fare distesi a terra, meglio seduti incrociando le gambe o anche seduti comodamente su una sedia.  E’ importante ricordarsi di:

    • tenere la schiena diritta,
    • essere in un luogo quieto dove non ci sia disturbo (soprattutto all’inizio della pratica)
    • respirare lentamente
    • tenere il corpo morbido, lasciando andare le rigidità.

Pensiamo alla meditazione non come un’attività in aggiunta alle cose che abbiamo già da fare, ma come uno spazio-regalo, un dono che ci facciamo tutti i giorni, piccolo, impercettibile ma molto potente nel tempo.

Mi piace ricordare un proverbio che ho sentito tempo fa che diceva “La pazienza è l’intervallo tra un seme e un fiore”.

La meditazione trova uno dei suoi pilastri proprio nella pazienza: se piantato il seme, lo innaffiamo e ci prendiamo cura con pazienza, gioia e dedizione, diventerà un bellissimo fiore.

Così come, se pratichiamo con pazienza, gioia, e dedizione la meditazione, essa ci porterà uno stato di pace e armonia in tutti gli aspetti della nostra vita.

TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO? CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp

LASCIA UN COMMENTO

Copyright 2021 © All rights Reserved. Design by Anna R.